HOTEL DE COLOMBIA di Angelo Marenzana

Le estati più belle: quelle passate
14 Luglio 2022
 
Uno scrittore ha sempre qualcosa nel cassetto, idee iniziate ma non terminate, incipit ideati in momenti diversi, racconti ispirati da situazioni quotidiane… uno scrittore vero custodisce in un cassetto la sua creatività, quella più inaspettata che lo ha colto nel tempo. Non tutto di quello che viene in mente come idea o progetto può essere usato nell’immediato, non tutto trova sfogo di lì a poco sulla pagina bianca ed alcuni scritti devo attendere.

Il libro Hotel de Colombia dello scrittore alessandrino Angelo Marenzana è un esempio di storia che ha trovato il suo spazio in un secondo momento rispetto ai personaggi. Lo stesso autore mi ha raccontato di averli creati in un periodo precedente finendo per avere la giusta collocazione nella storia raccontata da questo romanzo. Me lo ha detto con gli occhi che brillavano. Si riconoscono, quelli di chi ha generato qualcosa di unico come solo uno scrittore ha la capacità di fare ed ha saputo attendere per farli vivere.
Trovare il mondo nel quale far muovere Ottavio, Marco e Ismail insieme ad altri personaggi deve essere stato stimolante ancora di più. Sono personaggi ben definiti, con il loro carattere, identità e vicenda personale. Li conosciamo uno per uno iniziando a leggere Hotel de Colombia, l’autore ci conduce a piccoli passi nella loro esistenza a partire da un preciso episodio per ognuno. Si tratta di situazioni che li mettono in discussione, che li pongono davanti a un bivio e risvegliano le loro incertezze su chi sono.
Ottavio è a casa con la moglie e gli amici per il suo compleanno, quando esce finendo coinvolto in situazioni che in una escalation gli faranno perdere il controllo e lasciandogli addosso solo macchie di sangue.
Marco ha mancato di soddisfare le sue fantasie erotiche con una ragazza appena conosciuta e alla fine le sfoga con una prostituta. Ismail è stato appena scagionato da un’accusa di omicidio.
Vagano senza voler tornare a casa o senza averlo un luogo al quale tornare e finiscono davanti ad un hotel. Il nome dell’hotel dà il titolo al romanzo e contiene in sé la storia di un altro personaggio singolare: Albert il portiere di notte da sempre lì ma ancora per poche ore, perché l’hotel de Colombia sta per chiudere.
“Appena batte la mezzanotte questo posto è destinato a destinato a trasformarsi da lurida zucca abitata da cimici in un albergo dal futuro luminoso…” E’ fatiscente e trascurato, al suo posto ne sorgerà uno nuovo.
L’ambiente era perfettamente quadrato. Piccolo e scarno. Sulla sinistra il vano di una scala portava ai piani inferiori. Sulle pareti alcuni vecchi manifesti incorniciati pubblicizzavano mostre di cimeli archeologici. Le pareti sembravano tenute insieme da una tappezzeria i cui squarci mettevano in risalto profonde crepe nell’intonaco.
Quel posto è esso stesso protagonista, abbraccia gli altri personaggi facendosi custode delle loro storie, dei loro segreti e paure. E’ come un amico che li incontra per caso e si fa ascoltatore. Lì ognuno di loro riesce a venire a contatto con la parte di se stesso più nascosta, che fuori da quelle mura non è mai riuscito a guardare in faccia.

Il lettore si sente partecipe, non giudica, curioso di scoprire come andrà a finire. Anzi, credo sia portato come è accaduto a me, anche a pensare: Se per un attimo anche io sparissi lontano da tutto e da tutti cosa accadrebbe? Esiste la possibilità di un’altra vita? Potrei stravolgere la mia esistenza? Il coinvolgimento è generato da uno stile di scrittura dell’autore pulito e fluido, non genera ansia e trasmette al lettore il sottile trascorrere del tempo, scandito da i momenti di azione e di riflessione. Hotel de Colombia si legge con piacere, è un libro che mi ha fatto compagnia per qualche giorno sotto l’ombrellone e sono certa possa accompagnare anche le vostre giornate estive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi